Vai al contenuto

Bremark

L’USO DEL MARCHIO REGISTRATO

  • di

CHE COS’È UN MARCHIO REGISTRATO? La disciplina riguardante il marchio è ricompresa nel Codice della Proprietà Industriale (D. Lgs. 30/2005) e in norme del Codice Civile, nonché dalla legislazione Europea ed Internazionale. Con il termine “marchio registrato” viene identificato un segno distintivo usato in una attività commerciale e idoneo a distinguere i propri servizi o prodotti da altri sempre presenti sul mercato. Facciamo alcuni esempi che possano rendere più chiaro questo concetto: la bottiglia della Fanta, il simbolo della Pura Lana Vergine, il rombo della Harley Davidson, sono tutti marchi registrati, i quali distinguono tali precisi prodotti dagli altri presenti in commercio. DEPOSITARE IL MARCHIO REGISTRATO: ALCUNI CONSIGLI Prima di tutto occorre precisare che, di fondamentale importanza, è l’attività di scelta del tipo di marchio che si intende depositare, anche per evitare di finire per contraffare marchi altrui. Il marchio può essere costituito da parole, da grafica e da grafica e parole. Nel caso in cui si proceda a depositare un marchio formato solo da parole, i diritti verranno vantati solo sulle parole; qualora invece si depositi un marchio formato da grafica o da grafica e parole, la tutela sarà posta anche nei confronti del logo. Ci si ricordi poi che più il logo o la parola sono originali e più il marchio sarà forte e tutelato dalle imitazioni. Qualora, invece, si crei un marchio debole è consigliabile unire alle parole la grafica in modo da renderlo maggiormente tutelato. Prima di procedere al deposito è sempre bene effettuare una ricerca di novità, ossia una attività finalizzata a verificare che il proprio marchio non sia già stato utilizzato da altri. Diversamente si potrebbe essere costretti – stante la circostanza che, nonostante la presenza del medesimo marchio, il sistema consente comunque la… Leggi tutto »L’USO DEL MARCHIO REGISTRATO

REGISTRAZIONE DEL MARCHIO, LA RICERCA DI ANTERIORITÀ

  • di

Prima di procedere alla registrazione di un marchio è di fondamentale importanza affidarsi a professionisti qualificati che svolgano una ricerca di anteriorità. Ma vediamo più nel dettaglio di cosa si tratta. RICERCA DI ANTERIORITÀ: COS’È E A COSA SERVE La ricerca di anteriorità è l’attività principale qualora si voglia procedere alla registrazione di un nuovo marchio. Tale attività riguarda essenzialmente una ricerca, effettuata prima di depositare il marchio presso l’Ufficio Marchi, che verifichi una potenziale pericolosità del vostro marchio relativa, tra le altre cose, ad un possibile conflitto con altri marchi. Tale conflitto potrebbe essere generato da marchi simili o marchi uguali, i quali potrebbero condurre ad una Opposizione da parte dei titolari che hanno registrato il marchio precedentemente a voi. A tale proposito è necessaria una precisazione, non tanto rispetto al concetto di marchio uguale, quanto a quello di marchio simile: sono definiti marchi simili tutti quei marchi che presentano, anche alternativamente, una assonanza fonetica, visiva o concettuale rispetto al marchio per cui si vuole procedere a registrazione. Alcuni esempi per comprendere al meglio il concetto di marchio simile: assonanza visiva è il caso di 2121 e Z1Z1; assonanza fonetica è Day e Dei; assonanza concettuale è Sky e Cielo. In sostanza, quindi, il vostro marchio dovrà avere la caratteristica della novità, rispetto a servizi o prodotti affini. Si ricorda, infatti, che la ricerca dovrà essere effettuata esclusivamente rispetto alla classe di servizi e prodotti per i quali si richiede la registrazione. Al momento della registrazione si potrà ottenere il diritto all’esclusiva unicamente per la classe prescelta in base alla Classificazione di Nizza. Si è già anticipato che la ricerca di anteriorità ha il fine di prevenire i rischi relativi ad una eventuale Opposizione. Tale Opposizione è un procedimento… Leggi tutto »REGISTRAZIONE DEL MARCHIO, LA RICERCA DI ANTERIORITÀ

REGISTRA IL MARCHIO E DIFENDI LA TUA AZIENDA DALLA CONTRAFFAZIONE

  • di

La contraffazione del marchio è una problematica molto diffusa in ambito commerciale, a maggior ragione quando si tratta di aziende famose.Il marchio è il segno distintivo del prodotto e/o servizio messo in commercio dall’impresa, rispetto a prodotti simili messi in commercio da altre aziende.La legge dispone che la protezione del marchio può essere ottenuta anche semplicemente con il suo uso, tuttavia per disporre di un valido strumento di tutela è sempre consigliata la registrazione.Per evitare che taluno faccia un uso scorretto del nostro logo d’azienda, bisognerà presentare una domanda di registrazione presso una Camera di Commercio territorialmente competente ovvero presso l’Ufficio Brevetti e Marchi.La registrazione non è, però, così semplice, infatti, prima devi predisporre tutta la documentazione prevista dalle disposizioni normative vigenti al tempo della domanda, per poi depositare il marchi, secondo legge.Tali adempimenti possono essere particolarmente difficoltosi, per questa ragione è sempre consigliato rivolgersi a dei consulenti ed esperti del settore.Se sei interessato, deposita il marchio con Bremark. Un team di ingegneri, avvocati e consulenti esperti nel deposito e registrazione dei marchi sarà a tua completa disposizione, anche semplicemente per calcolare un preventivo di spesa.Bisogna prestare attenzione al fatto che un principio fondamentale in tema di validità del marchio è la territorialità. Infatti, l’efficacia giuridica della registrazione è relativa, cioè è legata al paese ove viene effettuata. Così se si registra il marchio in Italia, è possibile avvalersi di una tutela contro la contraffazione del marchio solo all’interno del territorio.Se si intende, invece, ottenere una protezione in più Stati, allora è necessario depositare il marchio presso l’ufficio competente di ogni singolo Stato, ovvero avvalersi del Marchio Europeo, il quale offre un tutela ristretta in ambito europeo, o del Marchio Internazionale, il quale estende la protezione giuridica sul mercato globale.Ovviamente… Leggi tutto »REGISTRA IL MARCHIO E DIFENDI LA TUA AZIENDA DALLA CONTRAFFAZIONE

LA SORVEGLIANZA DEL MARCHIO REGISTRATO

  • di

Un requisito fondamentale del marchio è l’originalità affinché possa essere distinto facilmente dai consumatori nel mercato.Tale requisito è essenziale anche per chiedere ed ottenere la registrazione del marchio.Ciò significa che, per la sua registrazione, deve anche essere diverso da altri marchi già depositati o registrati sia sul piano nazionale che internazionale.Deposita e registra il tuo marchio avvalendoti di apposite Agenzie specializzate in tali servizi, come Bremark, la quale opera a Bari o online.La registrazione del marchio prevede, infatti, varie fasi e non è semplice procedere senza l’ausilio di un esperto.Se possiedi un marchio registrato puoi quindi utilizzarlo esclusivamente oppure concedere delle licenze di utilizzo dietro pagamento di una somma di denaro.Prima però di depositare il marchio è bene effettuare una ricerca di anteriorità, al fine di verificare l’inesistenza di marchi simili già registrati. Infatti, gli Uffici Marchi, italiano o europeo, non effettua alcuna ricerca di marchi simili nel mercato e quindi non emettono solitamente lettere di rigetto del deposito. Per questo motivo, a monte, è sempre opportuno attivarsi effettuando un’apposita ricerca di novità.Se tale ricerca ha esito negativo, potrete procedere al deposito della domanda di registrazione.Quando si deposita il marchio bisogna anche scegliere la classe del prodotto o servizio in base alla classificazione di Nizza. Ciò è importante nella misura in cui, una volta depositata la domanda di registrazione, non sarà più possibile modificarla e si potrà solo depositare un nuovo marchio.La registrazione da sola è il primo passo per una idonea e sufficiente protezione del proprio segno distintivo d’azienda. Infatti, è necessario che vi sia successivamente un’attività di promozione e pubblicità del marchio depositato, oltre che un’attività di difesa e sorveglianza del marchio. Dopo che il marchio è stato registrato, infatti, è necessario continuare a monitorare apposite banche dati… Leggi tutto »LA SORVEGLIANZA DEL MARCHIO REGISTRATO

Opposizione alla Registrazione di un Marchio: Una Guida Completa per Proteggere il tuo Brand

  • di

Nel panorama imprenditoriale, il marchio rappresenta uno strumento fondamentale per creare e mantenere un’identità aziendale unica e distintiva. Questo segno distintivo consente infatti di differenziare i prodotti o i servizi di un’impresa da quelli degli altri competitor sul mercato. Tuttavia, il processo di registrazione di un marchio può talvolta incontrare ostacoli, tra cui l’opposizione alla registrazione. In questo articolo, esamineremo come funziona il processo di opposizione alla registrazione del marchio, mettendo in luce vari aspetti giuridici e proceduristici di tale processo. Cos’è l’Opposizione alla Registrazione del Marchio? L’opposizione alla registrazione del marchio è un procedimento amministrativo mediante il quale il titolare di un marchio precedente o di diritti anteriori può chiedere all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM) di rifiutare la registrazione di un marchio nazionale depositato da un terzo, ritenuto registrabile[1]. Questa procedura consente di risparmiare tempo e denaro, fornendo un titolo più difficilmente attaccabile in sede di contenzioso, permettendo all’impresa di difendere il proprio marchio. Chi può Presentare Opposizione alla Registrazione di un Marchio? L’articolo 177 del Codice della Proprietà Industriale (CPI) definisce chi è legittimato a presentare un’opposizione. Secondo questa norma, possono presentare opposizione alla registrazione del marchio: Come Funziona il Processo di Opposizione alla Registrazione del Marchio? Il procedimento di opposizione inizia con la pubblicazione da parte dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi della domanda di marchio ritenuta registrabile. A partire dalla data di pubblicazione, i potenziali oppositori hanno un termine perentorio di tre mesi per presentare un’opposizione[[1](https://uib m.mise.gov.it/index.php/it/marchi/esame-della-domanda-e-procedura-di-opposizione/procedura-di-opposizione-alla-registrazione-del-marchio)]. L’opposizione deve essere presentata per iscritto e deve contenere alcuni elementi essenziali, tra cui: Dopo la presentazione dell’opposizione, il richiedente del marchio ha un periodo di due mesi per rispondere. Questo periodo può essere prorogato per un massimo di due mesi. La risposta deve contenere una dichiarazione di difesa… Leggi tutto »Opposizione alla Registrazione di un Marchio: Una Guida Completa per Proteggere il tuo Brand