Vai al contenuto

Ristrutturazione dei debiti del consumatore familiare approvato, due pensionati salvati dal pignoramento

  • di

Quando si parla delle metodologie per affrontare le situazioni di sovraindebitamento, circolano opinioni di vario tipo, esponendo a possibili inconvenienti coloro che non si rivolgono a esperti qualificati in questo campo.

La legislazione che regola la gestione delle crisi ha attraversato significative evoluzioni nel tempo, culminando nell’adozione dell’attuale Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza (CCII).

In un caso trattato dai professionisti del dipartimento InCrisiLegal di studio, siamo stati incaricati di assistere una coppia di pensionati che si trovava in una situazione finanziaria particolarmente precaria. La loro principale, e unica, fonte di reddito derivava dalla pensione di uno dei due, la quale era già gravata da una serie di oneri: una cessione del quinto, un pignoramento in atto, e un’emergente minaccia di espropriazione dell’unico immobile di proprietà. Quest’ultimo era stato acquistato dopo anni di sacrifici e completamente pagato, rappresentando dunque un bene di fondamentale importanza per loro.

Il punto di svolta, che ha complicato ulteriormente la loro situazione, è stato l’impegno preso dal marito a garanzia di un mutuo contratto dal figlio attraverso una fideiussione. La decisione era stata presa con fiducia, basandosi sulla stabilità finanziaria del figlio e sulla sua capacità di far fronte alle rate del mutuo secondo il piano di ammortamento concordato. Tuttavia, tra il 2014 e il 2015, il figlio ha perso il lavoro e, di conseguenza, la sua capacità di onorare gli impegni finanziari è venuta meno. La situazione ha portato alla perdita dell’immobile, che è stato sequestrato e venduto all’asta giudiziaria dalla banca mutuante, a causa dell’impossibilità di continuare a pagare il mutuo.

Questo scenario ha portato i nostri clienti, già vulnerabili a causa della loro limitata situazione economica, ad affrontare ulteriori difficoltà e incertezze, mettendo a rischio non solo la loro stabilità finanziaria ma anche la loro casa, acquistata con tanti sacrifici e completamente pagata.

Continua a leggere l’articolo qui…